venerdì 29 maggio 2009

Domani c'è il Passatore

Sofferenza estrema e gioia immensa. Ecco in sintesi cos'è per me il Passatore. Qualcuno dice che sia la 100 km più affascinante, qualcuno che sia la più dura, per me tutti e due gli aggettivi sono azzeccati e sintetizzano alla perfezione che cosa evochi nella mia mente la parola Passatore. L'ho corso solo una volta nel 2008, ma ogni volta che ci penso il ricordo suscita in me emozioni contrapposte di sofferenza unita a immensa soddisfazione di tagliare il traguardo di una così importante e dura gara podistica. In questi giorni precedenti la manifestazione spesso e volentieri mi tornano alla mente i ricordi relativi alla probante preparazione svolta l'anno scorso per arrivare pronto all'appuntamento con lunghi da 60-70km e allenamenti serali di 25-30 km. Ho ancora bene impressa nella memoria la fatica che già mi stava segnando nella prima salita verso la vetta le Croci, quando faceva un gran caldo e i chilometri coperti erano appena una ventina, oppure quando volavo a meno di 3'30"al km nella successiva discesa verso Borgo San Lorenzo affiancato da Matteo col suo scooter che mi supplicava di rallentare dicendomi che ero un pazzo e che non ce l'avrei mai fatta ad arrivare al traguardo se avessi continuato così. Oppure poco dopo ai piedi della salita della Colla verso il 35° km quando sempre Matteo mi chiedeva come mi sentivo e io gli rispondevo che ero finito e non pensavo di farcela ad arrivare in cima al 48 km. Mancavano ancora 65 km di cui 10 di durissima salita... Non so come ma lassù ci sono arrivato. Altro ricordo bastardo che mi ha portato quasi al ritiro è stato l'errore di percorso che mi ha costretto a girarmi e tornare sui miei passi per risalire al controllo di Casaglia al 60 km quando ero già segnato dai crampi, 700 metri in più che mi hanno devastato psicologicamente oltre che fisicamente. E poi il sorpasso ai due russi verso il 70° km che mi ha rilanciato soprattutto psicologicamente per un buon finale in 6° posizione e con gli ultimi 20 km al buio con i miei problemi e i miei pensieri. Ecco la foto all'85 km, ne mancavano "solo" 15 che a voi sembreranno pochi ma che a me sembravano di più di una maratona.... E l'arrivo tra la commozione e un salto liberatorio che mi ha fatto urlare: "Siiii, finalmente ce l'ho fatta sono un ultramaratoneta vero". Domani 31 Maggio 2009 si corre la 37° edizione della 100 km del Passatore, emozioni vere, onore a tutti coloro che taglieranno il traguardo. Nel 2010 voglio esserci di nuovo.

13 commenti:

Anonimo ha detto...

pensa fratellone che proprio oggi pensavo che un anno fa ero attaccato ad internet per seguirti live, e poi le continue telefonate con la tua "ammiraglia"...
emozionava ancora me , figurati te che l'hai corsa...

forza...2010 voglio tornare a vivere quelle emozioni..

Bassa

GIAN CARLO ha detto...

Tu sei un campione, ma anche io vorrei trovare la forza per essere al via nel 2010

Cristina ha detto...

Di sicuro non ti ricordi, ma ci siamo stati presentati da Giampiero alla partenza a Firenze: ero quella ragazza con la bici bianca da corsa, non sono potuta rimanere per le foto perchè dovevo tornare dal mio amico che era lì anche lui per correre (era molto agitato).
Il Passatore è epico anche per gli accompagnatori in bici come me.

Cristina ha detto...

Di sicuro non ti ricordi, ma ci siamo stati presentati da Giampiero alla partenza a Firenze: ero quella ragazza con la bici bianca da corsa, non sono potuta rimanere per le foto perchè dovevo tornare dal mio amico che era lì anche lui per correre (era molto agitato).
Il Passatore è epico anche per gli accompagnatori in bici come me.

Tosto ha detto...

Mi vengono i brividi solo al pensiero di quello che devi aver provato all'arrivo.

Solo menti determinate possono riuscirci! grande!

Alvin ha detto...

Uomo nel 2010 ci sarai eccome,cattivo come la muerte e con in più la sete di non averlo potuto correre quest'anno...

Lucky73 ha detto...

Il ns grande Pres M70 ci sarà! Forza Iso!

Furio ha detto...

Un grosso augurio per l'anno prossimo ed uno piccolo per me, che un giorno possa correrlo anche io.. almeno una volta.

Simone ha detto...

tutto al passatore 2010 e un grande in bocca al lupo a chi fra 2 ore e 30 partirá per questa grande avventura.

Simone ha detto...

errata corrige: tutti ... (non tutto)

Anonimo ha detto...

Ciao sono Alessandro .... di ritorno dal Passatore 2009, sono ancora fresco di dolori che non mi lasciano neanche dormire non ho idea di come passerò la notte.... comunque soddiasfatto per averla finita e per aver ottenuto un risultato che non mi sarei mai aspettato 10h36' avevo chiesto consigli ad Andrea che puntualmente mi ha dato, l'ho pure pensato finchè correvo e mi chiedevo come c...o avesse fatto ad ottenere quel risultato , solo chi prova può capire. La sera prima di partire mi son riletto il suo racconto 2008 tanto per imprimermi bene in testa che sarebbe stata una sofferenza cercando di imitarlo almeno nello stringere i denti. Fatta, e adesso vengo a stringervi la mano alla "FULMINEA SUMMER NIGHT RUN"
Chi volesse partecipare al prossimo Passatore cominci già a farsene una ragione e a preparare la testa , chi conosce Andrea comunque parte già avvantaggiato..
gli allenamenti saranno lunghi e faticosi.
Alla prossima FFFFFulmini Ale

Yervs ha detto...

Leggo solamente adesso il tuo post, sono appena tornato dalla Cortina-Dobbiaco. Oggi è esattamente 1 anno e 1 giorno che ci conosciamo, si ci siamo incontrati proprio lì in cima alla vette "Le Croci" io con il mio motorino e te a piedi. Che emozione.... Pensare che appena mi vedesti non sapevi neanche chi ero, ti affiancai per qualche metro correndo e esclamasti "E' però, sei allenato ragazzo!!!" Che ricordo!!!! Poi rimontai in sella al mio motorino e ti segui fino a Ronta!!! Dopo 2 giorni dalla gara mi chiamasti per ringraziarmi, da lì è nata l'amicizia. Che spettacolo!!!

Igor ha detto...

L'anno prossimo sarai carico e con la voglia di dare il meglio di te, vedrai...

Ti potrebbe anche interessare

Related Posts with Thumbnails