domenica 2 agosto 2009

Il giro del Lago di Resia

Eccomi appena tornato dalla Val Venosta dopo una due giorni di sport e turismo assieme agli amici Barca e Renzo. 600 km (e non sentirli) in sella alla BMW GS inframezzati da una gara che non mi aspettavo così impegnativa. Una volta 15 km me li bevevo ora li sento eccome...Per l'esattezza 15,3 km di saliscendi intorno al bellissimo Lago di Resia che mi hanno fatto soffrire più del previsto. Comunque è andata più o meno come me l'aspettavo, forse un pò peggio, volevo correre a 3'40"/km circa e alla fine sono stato sui 3'44" che considerate le insidie del percorso per me non è poi così male. Un pò lontano dai 3'40"/km che fino a qualche mese fa mi riusciva di tenere agevolmente per tutta una maratona. Verranno tempi migliori, intanto mi godo la bella giornata passata con i due proiettili che sono venuti via con me. Il Barca si è classificato 13° in 53'08"; Renzo, fresco vincitore della podistica di Piovene Rocchette, 22° in 54'51". Io, ultimo del gruppo, mi sono classificato 49° in 57'19". Gara vinta da Marco Mazza in 50'04", ammazza.....
Si partiva da Curon Venosta dove c'è il famoso campanile per metà immerso nell'acqua del lago. Organizzazione praticamente perfetta a parte la zona dello start che sebbene fosse divisa in griglie in base ai tempi previsti di percorrenza non era sufficientemente larga per ospitare i quasi 3000 partenti. Quindi c'è stato parecchio da sgomitare soprattutto nei primi 4-5 km dove in pratica ho corso senza poter fare le mie traiettorie e la mia andatura, c'era troppo casino, mi sono beccato anche un paio di sgambetti e a momenti non finivo per terra. I primi 5 chilometri erano quelli più facili, in pratica si correva in pianura anche se c'erano diverse curvette strette e il fondo sterrato con il buio non era proprio il massimo, in più c'erano diversi dossi da superare di slancio. Dopo il 5 km entrando nella pista ciclabile che risale verso Resia sono iniziate le montagne russe, in pratica 6-7 km con continui cambiamenti di pendenza, alcuni brevi, alcuni più lungi sui 2-300 metri che ti uccidevano letteralmente. Il peggiore al 9° km dove mi si è presentato davanti un muro che non finiva più. Stranamente in salita non mi sentivo di andar male, difatti ne ho superati parecchi chiudendo il km più duro (il 10°) in 4'17", piuttosto approfittavo della discesa per recuperare e prendere fiato, al contrario del solito dove tiro a più non posso. Gli ultimi 3 km da Resia all'arrivo erano abbastanza pianeggianti ma non sono riuscito a cambiare marcia e mi sono piantato subendo un paio di sorpassi. L'arrivo era posto dentro il tendone da 4000 posti dove poi siamo stati fino alle 2 di notte a mangiare e bere tutti insieme allietati dalla musica di una bravissima cantante con il suo gruppo aspettando la lotteria e le premiazioni. In totale al traguardo sono arrivati 1920 uomini e 794 donne. Un successo eccezionale per questa bellissima gara che vi consiglio di fare almeno una volta. Stamattina di ritorno verso casa, visto che ero in zona, ne ho approfittato per fare un giro in moto al Passo dello Stelvio. Caspita che bella quella salita coi suoi 48 tornanti stretti, meglio farla in moto però, con la bici è troppo dura. Alla prossima!!!

12 commenti:

bressdicorsa ha detto...

urca che tempi, il prox anno magari vengo pure io.vai super
rigo. cmq dalla setimana prox riduco i km e vado in ferie...nn ne posso piu'

Diego ha detto...

Ciao rigone,
ieri ti ho mandato un mms, ma penso che non l'hai ricevuto ?
Bella gara !

Alvin ha detto...

Alla grande.... vedendo l'altimetria del percorso si vede chiaramente che non era una passeggiata...BIG sempre!

lucamuto ha detto...

3.44 di media ad inizio preparazione e senza praticamente preparare la gara, non mi pare male anche per un super come te.
p.s. cambia il casco, il rosso non ci sta col giallo della moto!

franchino ha detto...

Bravo Andrea!
Questa gara l'avevo messa in calendario, poi la sciatalgia ha fatto saltare tutto. Se ti piace tanto lo Stelvio puoi farti la Bormio-Stelvio, è poi solo una mezza ;-)

Ciao!

bressdicorsa ha detto...

e' vero,il casco nn e' in pandamm

Nick.12 ha detto...

Ciao Andrea, ti ho visto arrivare al traguardo ma poi ho aspettato mio fratello e ti ho perso di vista. Sarà per la prossima volta l'incontro fra Blogger. Bella è la gara, comunque buon tempo. Farla di giorno però è più bella, anche se di notte è molto caratteristica. Il mio recors è 1.01.35 dell'anno scorso.
Ciao Nick

Andreadicorsa ha detto...

@ Bress: l'anno prossimo ti puoi organizzare con la family, è un posto che vale la pena vedere...
@Diego: infatti non mi è arrivato niente... coem mai????? mandami una mail!!! ciao Hulk!!!
@Luca: speriamo sia come dici... per il casco hai ragione, lo farò giallo-nero. anzi ancora meglio mi prendo un Jet Arai che è fantastico
@Franchino: hai ragione lo Stelvio mi piace tanto da fare...ma in moto... la Bormio-Stelvio, l'ho fatta un paio di volte e ho sempre tribolato da morire:::---)))) soprattutto l'anno scorso che c'era un tempaccio!
@Nick: peccato che non ci siamo incontrati, nel dopo gara noi eravamo seduti vicino alla consolle della musica, penso che tu abbia ragione forse è meglio correre di giorno, ma con le fiaccole lungo il tracciato e i fuochi d'artificio è stato molto sugggestivo di notte (per chi ha avuto il tempo di guardarsi intorno) alla prossima gara è obbligatorio il blogpoint

Andreadicorsa ha detto...

@Nick: dimenticavo di farti i miei migliori in bocca al lupo per una rapidissima ripresa dal tuo infortunio.

Ciaoo

Patty ha detto...

ma 3'40" li corri a piedi o con la moto? :-(

Andreadicorsa ha detto...

@Patty: in moto andando piano la maratona la corro in 20', una 100 in meno di un'ora.... troppo facile::--))

Anonimo ha detto...

assurdo

Ti potrebbe anche interessare

Related Posts with Thumbnails