martedì 12 ottobre 2010

Un'altra giornata NO

10/10/10 - 4' Edizione della Lake Garda Marathon, una bellissima gara che si sviluppa nelle strade che costeggiano il Lago di Garda partendo da Limone e passando per Riva, Arco, Torbole con arrivo a Malcesine. E' la terza volta che vi partecipo e sarà senza dubbio la peggiore. L'obiettivo è quello di correre intorno alle 2h40', so di potercela fare, ma tra il "sapere e il fare" c'è di mezzo il mare, anzi il LAGO! Dopo una settimana di quasi scarico completo ad eccezione dell'allenamento un pò tirato di mercoledì con Luca mi sembra di sentire le gambe in buone condizioni. A parte un leggerissimo fastidio alla base della schiena pare tutto in regola per disputare una buona maratona. La giornata è climaticamente perfetta con un bel sole ed una temperatura gradevole intorno ai 15°. Sul traghetto per Limone incontro gli amici trentini, Stefano, Nerry e Demis con i quali come sempre il tempo passa allegramente e con goliardia. Al polso indosso il solito Garmin 405 che per precauzione avevo lasciato sotto carica tutta la notte. So che con la sua batteria al 100% riesco a mala pena a finire una maratona. Per curiosità dò un'occhiata al livello di carica e stranamente noto che segna già il 90%..... l'ho appena staccato dalla spina e dovrebbe segnare il 100%. Dopo 5 minuti ricontrollo e l'autonomia scende ancora all'80%.....Che strano, sembra proprio che oggi non tenga la carica. Arrivati a Limone controllo per l'ennesima volta e il livello è sceso al 50%...., è evidente che non si è caricato bene (mi è già capitato inspiegabilmente un'altra volta) e quindi decido di toglierlo e correre senza, e pensare che dentro alla borsa in macchina ho lasciato l'affidabile Garmin 310. Durante tutta l'estate nelle gare podistiche spesso e volentieri ho corso senza cronometro e mi sono sempre trovato bene, ma una maratona senza riferimenti non l'avevo mai disputata, ecco oggi è il momento più propizio per provarci. Pronti via, parto come al solito veloce ma non esagerato e mi metto nelle prime posizioni, dopo il primo chilometro Malfatti mi dice che siamo passati in 3'43", questo sarà l'unico riferimento preciso che avrò durante tutta la gara. Dal 2' km aumento leggermente e mi trovo da solo in 6' posizione con i primi cinque, tra i quali conosco solo Colnaghi e Boffo, già in fuga e con un passo troppo veloce per me. Corro i primi 10 km cercando di capire come stanno le mie gambe. Chissà a quanto starò andando? Il respiro è abbastanza regolare ma non mi sento completamente a mio agio senza cronometro e senza sapere il ritmo preciso. Quelli dietro sono troppo lontani e non voglio aspettarli, quelli davanti hanno un'altra andatura e continuano a guadagnare. Spero di trovare un riferimento a Riva del Garda al 10° km, invece al passaggio il tappeto e il cronometro della TDS non ci sono, quest'anno mi sa che gli organizzatori hanno tagliato sulle spese. Proseguo per la strada che porta ad Arco dove ricordo bene che l'anno scorso soffrii non poco il vento contrario ma con l'aiuto di Marco Boffo che mi faceva da scudo riuscii a venirne fuori. Questa volta sono da solo e l'aria contraria è abbastanza fastidiosa, a sensazione il ritmo sta calando anche perchè siamo in leggera salita. Verso il 15° km vengo raggiunto da un gruppetto di quattro, chiedo a Vaida a quanto stiamo andando, lui mi risponde: "siamo a 3'48" ", non capisco se si riferisce alla media totale o all'ultimo km percorso. Non ho più tempo di interpellarlo dato che in pochi metri il gruppo mi distanzia. Comincio ad intravedere lo spettro di un'altra giornata storta. Continuo da solo e prima di Arco vengo superato da un altro paio di corridori. Passo alla mezza senza la minima idea di quanto tempo possa essere trascorso, al rilevamento c'è solo il tappeto della TDS. Saprò solo il giorno dopo che ero passato in 1h20'44". Mi immetto sulla pista ciclabile che ridiscende verso il lago e cerco di tenere un ritmo più regolare possibile ma non c'è niente da fare continuo a calare (e non ci vuole un orologio per capirlo) sebbene la pendenza ora sia favorevole. Come al solito ultimamente mi fanno male le gambe e si è accentuato il fastidio alla base della schiena degli ultimi giorni che ora è diventato un dolore intermittente. Mi passano altri 3-4 concorrenti e un pò alla volta arrivo a Torbole, nella mente mi sfiora il pensiero del ritiro....Ormai sono abituato a ritirarmi alle 6 ore ma alle maratone non mi è mai capitato e non mi va che accada oggi. 31 su 31 sempre sotto le 3 ore e in un modo o nell'altro voglio che questa sia la 32 esima sempre rispettando la regola dell'under 3h! Tengo duro e proseguo rincuorato anche dal fatto che da un bel pò, bene o male, non mi raggiunge quasi più nessuno. Corro con l'obiettivo di non farmi raggiungere da quelli dietro, devo avere sempre qualche stimolo altrimenti è la fine, questo è il mio carattere. Ad occhio starò viaggiando intorno ai 4'20-30" al chilometro, la prendo con filosofia e penso che per un quasi 42enne non è poi così male, eh ehhhhh. Ad ogni impatto al suolo la schiena continua a darmi fastidio e in più ho male ai quadricipiti. Gli anni scorsi quando andavo in difficoltà avevo fastidio più ai polpacci (soprattutto il destro) e in ogni caso nelle crisi riuscivo a correre intorno ai 4' al km. In questo periodo non è così pertanto mi devo rassegnare. Mi trascino stancamente e solitariamente nella Gardesana orientale verso Malcesine, ormai mancano pochi chilometri quando mi raggiunge un altro ateta al quale chiedo quanto tempo è passato. Lui mi risponde:"no capito, deutschland....", mi sa che era tedesco! Poco dopo arriva un altro con una folta chioma e vestito in modo un pò casual che alla mia solita domanda risponde facendomi vedere il suo splendido e indecifrabile Swatch millecolori, alla mia successiva domanda:"ma stiamo sotto le 3 ore?" risponde :" non ne ho idea amico, pedala che è quasi fatta!". Nella fatica ci facciamo una bella risata pensando che una risposta certa l'avremo solo all'arrivo al quale ormai mancano solo 4-5 km. Gli ultimi chilometri fortunatamente passano senza grossi problemi, se non tento di correre forte più di tanto non faccio neanche fatica e il fastidio alla schiena va e viene. Arrivo finalmente al traguardo salutando la Paola, che mi ha accompagnato in questo bel weekend, la quale immortala il momento con una foto che ferma il cronometro appena sotto le 2h53". Una bella delusione se penso che rispetto all'anno scorso, dove sono arrivato al lago con molto meno allenamento, ho perso 12' e rispetto al 2007 dove la differenza fu ancora maggiore. Non c'è niente da fare i fatti parlano chiaro e dicono che sono in un periodo di scarsa forma anche se negli allenamenti non mi sembra poi di andare così male. Quando arrivo in gara le cose vanno sempre male. Le ho provate tutte durante le ultime due settimane riposando e correndo meno ma è servito a poco. In ottica Gibilterra la vedo dura comunque il buon umore non mi manca mai e nei momenti peggiori penso sempre che per me la corsa dev'essere solo puro divertimento! Per fortuna che agli altri miei due compagni di avventura sta andando meglio, Monica Carlin ha vinto la gara femminile in 2h54' e Marco Boffo è arrivato quarto assoluto in 2h33'. Almeno loro sono sicuro sventoleranno in alto la bandiera tricolore:-)

44 commenti:

kikourou-jerome_I ha detto...

Bravo Andrea.

ho seguito i tuoi allenamenti e sono rimasto impressionato. La maratona non è andata alla grande, ma sei andato fino al traguardo. Dai che ti riprendi per Gibilterra. Purtroppo la maratona è una gara difficile e molto veloce, dove anche ben preparato si può fare una gara molto più lenta che previsto.

Saluti

Jérome

MauroB2R ha detto...

Beh Andrea...i superuomini non esistono, o meglio, anche loro hanno dei periodi no. Prendila con filosofia, è dura da accettare ma sono sicuro che la forma tornerà...magari soffri le gare a livello psicologico, ti aspetti troppo da te stesso e il corpo si ribella...
ma è solo un'ipotesi...

Andreadicorsa ha detto...

@Jerome: quando sei in forma va bene sempre tutto. sono convinto che adesso avrei i miei problemi anche in una gara di 10 km. grazie x il commento!

@Mauro: il mio punto forte è sempre stato quello di andare molto meglio in gara che in allenamento. Mi piace gareggiare ed è per questo che ne ho sempre fatte tante. In qs. periodo però non va come voglio ma spero la tendenza si inverta presto. prima o poi succederà!

insane ha detto...

In realtà la "giornatona" si sta preservando e si manifesterà al momento giusto.......sta mirando Gibilterra.. ;)
C'è gente che per farne anche solo una sotto le 3h sarebbe disposta a molto...

theyogi ha detto...

lasciati il tempo giusto e troverei le risposte che cerchi: è solo una parentesi, sono certo!

CHICO68 ha detto...

Con tutti i guai che hai avuto, le 2h e 52 minuti non sono da buttare.
La forma deve arrivare il 07 novembre.

CHICO68 ha detto...

Andrea come ti trovi con il Garmin 405?
Parlo naturalmente di precisione e segnale in condizioni particolari.

Grazie.

Albe che corre ha detto...

Dopo la 50km di Romagna eri un pò pessimista per il Passatore ..poi invece è andata!
Ti ridico che tu sai di cosa sei stato capace e non hai bisogno di consigli per fare bene quando conta davvero..
In bocca al lupo e cura la schiena!

Roberto ha detto...

ciao, capisco un po la tua delusione... ma magari la preparazione che stai facendo ti porta ad essere un po più lento nella "breve" distanza della maratona e invece più performante sui 100km... cmq vedrai che il duro lavoro che stai facendo darà i suoi frutti. buone corse e in bocca al lupo. ciao.

web runner ha detto...

Ciao Andrea la giornata storta ci sta sempre... ma tu questo lo sai certamente meglio di me.
In bocca al lupo per le prossime!

PS per il 405: ho notato anch'io che a volte si scarica veloce. In particolare, spesso non entra la modalità risparmio, così la batteria si scarica anche durante i trasferimenti. Non so perchè e come si fa a evitarlo. Però ho notato che se fai scaricare completamente la batteria fino a farlo spegnere, quando lo ricarichi vai sul sicuro, lo togli dal caricatore in standby e si accende solo se metti manualmente la modalità training. Allora la carica ti basta anche per una 100 km! (a te... a noi umani forse no!) :D

Andreadicorsa ha detto...

@Insane: non credo tanto ai miracoli ma stavolta ci spero proprio. So che per molti è un sogno arrivare sotto le 3 ore infatti lo considero sempre un buon tempo però quando ti abitui ad andare agevolmente sotto le 2h40 diventa un pò difficile da mandare giù un 2.53 ottenuto con difficoltà.

@Yogi: spero proprio che tu abbia ragione, tra un pò avremo la risposta!

@Chico: non buttiamo via niente! teniamoci anche il 2.53 a coronamento della 32esima maratona sotto le 3h, speriamo come dici tu che la forma arrivi il 7 novembre.
con il 405 mi trovo bene a parte il touch screen che è scomodo da usare, la ricezione è ottima come pure la precisione che m isembra migliore dei precedenti modelli 205-305. adesso mi sembra che sia in uscita il 410, vedremo com'è. ho visto anche il nuovo GPS della Timex, è un pò grande ma mi piace molto, non vedo l'ora di sentire qualche recensione

Andreadicorsa ha detto...

@Albe: è vero che il 25 aprile ebbi una giornataccia e poi il 29 maggio andai benone! speriamo sia di buon auspicio per il 7 novembre.
Grazie per l'incoraggiamento

@Roberto: sto correndo meno di 2 anni fa, lo so che ogni anno è diverso ma ti garantisco che durante la settimana corro un'ora al massimo, solo qualche rara volta arrivo a 1h30', poi la domenica faccio di più. ti garantisco che per preparare una 100km è il minimo che si possa fare. penso di essere il 100ista che corre meno rispetto a tutti quelli che conosco.

@Web Runner: giusta osservazione la tua, starò attento che entro sempre in modalità risparmio. ieri l'ho ricaricato da zero visto che si era spento e ora funziona nuovamente bene. ieri sera l'ho usato x 45' e la batteria dal 100% è passata all'80%.

Simone Grassi ha detto...

Poco male Andrea, si sa i fattori che possono influire su di una prestazione peggioro dello sperato sono tanti e vai a sapere quali hanno remato contro domenica. Il dolore alla schiena magari non era fortissimo, ma certi punti sono fondamentali per correre bene e performare. Magari senza quello ti saresti avvicinato ai 2h40 senza problemi.

Io non farei troppi pensieri negativi, ti è già capitato di avere segnali non positivi e poi di andare alla grande! Vorrà dire che tieni la cartuccia buona per il 7 Novembre.

Nerry ha detto...

... vai Andrea... rimango della mia opinione... quando le cose si fanno difficili solo i duri si mettono in gioco e te sei un "duro".... perciò abbi fiducia e a Gibilterra correrai da dio e noi saremo dietro di te a sostenerti fino all'apoteosi!!!!!

grinta ha detto...

mio modesto parere, tira i remi in barca e allenati il minimo per restare in forma,
fai allenamenti comunque tosti ma tieniti sempre sotto rispetto quello che vorresti fare, nel senso di fare tempi peggiori
rispetto a quello che vorresti.
questo per arrivare a gibilterra con la voglia di buttare fuori il meglio che da oggi, in poi non devi tirare fuori
le pile sono scariche, lascaile ricaricare
tutto il resto c'è, e tosto anche, quindi fiducia nella tua forza che deve solo rigenerarsi

Giuseppe ha detto...

Ciao Andrea,
ricordati che hai fatto tutta la gara senza il riferimento cronometrico, che ad ogni costo avresti voluto, e non hai avuto. Sono convinto che anche questo è stato influente dal punto di vista mentale per disturbare la tranquillità che ci vuole anche nei 42km. Comunque dai dati che riporti, nel post del 3 x 4000 di mercoledì, Totale 17 km a 3'55" al km e frequenza cardiaca a 149BPM c'è la certezza che il motore sta andando alla grande.
Vai avanti e facci sognare

Diego ha detto...

Dai zio !.....tu sei uno specialista nel guardare avanti !!!

P.s. un caro saluto alla Paola !

GIAN CARLO ha detto...

dai che eri fuori di testa, se fossi stato presente a te stesso non potevi avere il dubbio di non essere under 3.
Non pensarci, smetti i lavori, corri a sensazione e quando meno te lo aspetti il cervello si ricollegherà e i temi torneranno.

franchino ha detto...

Ciao Andrea! Che dirti oltre a quello già detto dagli amici qui sopra? Ti capisco perfettamente, come hai visto a me è andata ancora peggio. Dici che è da un pò che hai delle prestazioni deludenti, forse sei solo un pò stanco. Ti faccio un grosso in bocca al lupo per Gibilterra, dacci dentro!

Marco C. ha detto...

Andrea, abbiamo corso insieme questa stupenda corsa. Peccato che io mi sono distratto un po' e sono arrivato due ore dopo ;D Sarà per la prossima!!! E cmq la pensi, la tua rimane sempre una maratona sotto le 3 ore...

stoppre ha detto...

oh, ma 2.53 in un periodo di scarsa condizione, sono eccezionali, cosideralo un buon medio.... no ?
ma boffo quant'è ? 2 metri ??

Demis ha detto...

Lo dici tu stesso che devi essere stimolato, il mondiale del 7 novembre è la giusta e meritata occasione per riscattarsi e tornare a essere kattivo!!

albertozan ha detto...

Niente è perduto per Gibilterra, una giornata storta ci sta! Il 7 novembre sono sicuro che ti divertirai....Vai Andrea!!

lello ha detto...

tranquillo andrea m le giornate no ... capitano anche ai campioni.........guarda il lato positivo ennesima volta da finisher under 3h... in bocca al lupo per gibilterra

Master Runners ha detto...

Qualcuno nel 2004 avrebbe detto Baldini campione olimpico?
Tutto ancora deve essere scritto, e tu sei forte Andrè! ;)

Giuliano ha detto...

Non so cosa dirti perché ultimamente va da schifo anche a me! Ma dopo per magia tiro fuori una nuova motivazione per iniziare una nuova sfida:-)

Comunque é forte il fatto che quello che per te é un fallimento per me sarebbe un sogno, e sicuramente quello che per me é un fallimento sarà un sogno per un'altro e così via.... Mi riferisco al tempo con il quale hai concluso la gara.

Andreadicorsa ha detto...

@Simone: diciamo che mi sto rassegnando a puntare ad un tempo decisamente più alto di quello che speravo. sempre se arrivo al traguardo:-)

@Nerry: magri avessi ragione!!!! cmq la pelle la vendiamo cara eh ehhh!

@Grinta: il tuo non è un modesto parere, è un parere molto importante x me. sto vagliando un pò tutto. non so se riposarmi di più o continuare ad allenarmi come al solito, come detto non sono a livello di 2 anni fa quindi è inutile che continui a guardare i tempi di allora e i molti chilometri che facevo + di adesso. tra un paio di settimane avrò un ultimo test importante e da li deciderò come comportarmi a gibilterra.

Andreadicorsa ha detto...

@Giuseppe: non sono convinto che l'assenza dell'orologio mi abbia penalizzato più di tanto. non credo che sarei andato molto meglio. sono solo dispiaciuto del fatto di non trovare le conferme in gara rispetto ai discreti allenamenti che svolgo in settimana. ma prima o poi cambierà!

@Giancarlo: penso che farò così, cmq credimi non ero per niente sicuro dell'under 3h, vedere il 2 nel rusch finale è stato un piccolo sollievo!

@Franchino: grazie 1000 e anche tu non mollare con le maratone che sei troppo forte!!!!

Andreadicorsa ha detto...

@Marco: hai ragione divrei essere più contento!!!!!! ti faccio i miei complimenti x essere arrivato al traguardo, la prossima volta se ti distrarrai un pò meno magari arriverai un pelo prima:-)

@Stoppre: il fatto è che adesso dovrei essere in una condizione buona e dovrei riuscire a correre una maratona senza tanti problemi, invece purtroppo non è così!
Boffo sarà 1.90, forse ero io che con la mazzata che ho preso ero un pò in ginocchio:::----)))))

@Demis: ce la metteremo tutta!!!

@Alberto: 3 giornate NO nelle ultime 4 domeniche non è proprio il massimo cmq mi resta un altro test prima della 100 km. io confido ancora di riprendermi.

@Lello: tutto giusto e bello quello che dici a parte una cosa, quella più importante: io non sono per niente un campione! magari:-) non sarei certo qui in ufficio a lavorare

@Master: ti ringrazio delle parole belle!!

@Giuliano: come sempre è tutto relativo. lo so che un tempo under 3h è ambito da molti e nella totalità pochi ce la fanno ad ottenerlo.... perciò sono contento di avere uno score di 32/32 sotto le 3 ore. questo non lo può vantare neanche un campione del calibro di calcaterra che agli esordi moltissimi anni fa andava sopra le 3 ore......

Andreadicorsa ha detto...

@Diego: grazie lo farò di certo appena la vedo, un caro saluto anche alla tua family :-)

Tosto ha detto...

mi dispaice molto che ultimamente nelle gare non te ne vada bene una.
Ti auguro di superare questo momento che sembra più che altro mentale.

PS. ieri non ti sei fermato a Zanè quando ti abbiamo chiamato ... can dal porco!!! :)

Anonimo ha detto...

Una giornata o un periodo storto ci sta ci può stare...niente è perduto.
Però bisogna reagire e non piangersi addosso perchè allora si che cosi non se ne esce più
Sei sempre stato esempio di tenacia e di grinta per tanti, bene adesso fallo per te...fuori i coglioni che sai di avere e non mollare mai.
Avanti a testa bassa e vedrai che ne esci alla grande.
Per il Garmin oltre a far scaricare ogni tano completamente la batteria, prova nel caso a fare un bel reset.
Ok che lo dovrai reimpostare ma a volte risolve i problemi.

Bassa

Filippo Lo Piccolo ha detto...

Andreone, pensare a Gibilterra, Nazionale, Maglia Azzurra.
Questo per te è stato un test, sarai carico.
In bocca al lupo per tutto!

bressdicorsa ha detto...

RIPOSATE CON 3 USCITE A SETTIMANA EI ALTRI GIORNI...NANNA E SEX EHEHEHEH

Luca ha detto...

Calcaterra è su un altro pianeta, per vostra "fortuna" (della nazionale) non c'è, ma come si fa a dire certe cose?

Andreadicorsa ha detto...

@Tosto: non mi son fermato perchè non vi ho visti!!! sarà per la prossima:-)

@Bassa: noi ci siamo già parlati quindi non occorre che ti risponda qui.

@Filippo: speriamo bene! attualmente il mio problema principale è il male alla gamba penso dovuto al nervo sciatico che non mi consente di allenarmi bene

@Bress: sempre alla muerte!

Andreadicorsa ha detto...

@Luca: non dovrei neanche sprecare tempo a risponderti. Il discorso che facevo prendendo ad esempio Calcaterra era solo per dire a Giuliano che per chiunque agli inizi non è semplicissimo andare sotto le 3 ore in maratona. Ho preso lui ad esempio perchè sappiamo tutti quanto è grande, non stiamo a citare il suo PB di 2h13', eppure alla prima maratona a 18 anni (solo la prima penso) andò sopra le 3 ore....Capitò anche a lui che è un fenomeno....
Riguardo Gibilterra è evidente che parli senza conoscere nessuno di noi, tantomeno il sottoscritto. Infatti, noi della 100 km, saremmo tutti estremamente dispiaciuti se Giorgio non potesse correre. Correre capitanati da lui e con lui sempre davanti ci ha sempre dato una carica, un orgoglio e uan consapevolezza di forza maggiore. La consapevolezza che gli avversari ci temono, soprattutto grazie alla sua presenza, anche se non dobbiamo dimenticare che in squadra ci sono altri di livello altissimo, vedi D'Innocenti o Boffo. Forse gli unici a non dispiacersi tanto della sua assenza sarebbero proprio gli atleti delle altre nazioni. L'unico fuoriclasse della categoria è lui e lo sa chiunque. E' l'unico al mondo nella 100 km a fare la differenza, l'unico in grado di correre gli ultimi 21 km di una 100 in 1h15. Io ci riesco a mala pena in una volta sola....Ho sempre detto a tutti, magari rileggiti qualche mio vecchio post, che ritengo Calcaterra un esempio di atleta per classe e umiltà, ho sempre detto che in campo podistico è il mio idolo. Ho sempre detto che da lui continuo sempre a cercare di imparare, dico solo cercare purtroppo.... e tu mi vieni a dire che io dovrei ritenermi FORTUNATO della sua assenza! Ma come ti permetti di dire certe cose? Prima di parlare informati che è meglio!

Luca ha detto...

Quanta supponenza solo per aver espresso un parere, mi pare che le parole siano inversamente proporzionali ai risultati. Certo le critiche non fanno mai piacere; bisogna saperle accettare come i complimenti e gli incoraggiamenti, senno è troppo facile. Buona fortuna

Andreadicorsa ha detto...

@Luca: le critiche fanno sempre bene se sono sensate. Se uno invece dice cose inesatte come hai fatto tu, senza conoscere persone e fatti inerenti, non servono proprio a niente.

riguardo i miei risultati hai ragione non sono un granchè, ma sai qual'è il bello? che a me va benissimo così! Sono molto soddisfatto che questi pessimi risultati abbiano portato il mio blog ad avere 150.000 visite in nemmeno 2 anni e ad aver stretto amicizie in tutta italia e non solo, grazie alla mia supponenza da super atleta!

Roberto ha detto...

non ci conosciamo di persona, ma è un po di tempo che seguo il tuo blog e se c'è una cosa che non ho mai trovato nei vari post che metti è la "supponenza"... quindi tu vai tranquillo, e sono sicuro che la pensano come me tutti quelli che ti seguono (tranne uno evidentemente).
due settimane fa ho corso la mia prima maratona e sono riuscito a concluderla sotto le 3 ore è partita ufficialmente la caccia al tuo record :-) hahahaha

Andreadicorsa ha detto...

@Roberto: congratulazioni! per curiosità mi dici che tempo hai ottenuto? io alla mia prima ho fatto 2h58'58" e mi sa che è stata anche l'unica in cui ci ho lasciato giù qualche lacrimuccia dalla gioia!

riguardo il resto, lascia pure che dicano, il mondo è bello perchè è vario! a me divertono ste cose:-)
e poi se continuate a farmi i complimenti mi gaso a tal punto che e va a finire che credo di essere più forte di Calcaterra, ma cosa dico Calcaterra? Volevo dire Gebresilassie, scusate....:-)

Roberto ha detto...

Ho chiuso in 2h51'44" nella Suedtirol Marathon, è stata una emozione unica anche perchè nei giorni precedenti alla gara avevo mille dubbi dovuti sia al fatto che era la mia prima maratona sia perchè nell'ultimo test sulla mezza avevo fatto tanta fatica pur correndo lontano dal mio personale (situazione simile a quella che stai vivendo tu)... poi le cose si sono sistemate dopo lo start, un passo dopo l'altro senza strafare guardando avanti e cercando di tenere duro soprattutto nel finale. All'arrivo ho capito la forza e la bellezza di questo sport, fatto di tanta fatica e qualche sacrificio, ma che ti da davvero delle emozioni straordinarie!

Andreadicorsa ha detto...

@Roberto: sei partito proprio col piede giusto! Il tuo, al di la di tutto, mi sembra proprio un ottimo tempo sia in senso assoluto che per un atleta che si è lanciato per la prima volta in quella bellissima avventura chiamata MARATONA. Ti auguro di concluderne altre 100 con la stessa soddisfazione! E mi raccomando tienimi informato:-)

Andreadicorsa ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.

Ti potrebbe anche interessare

Related Posts with Thumbnails