martedì 2 settembre 2008

Luco dei Marsi

Pubblico il Comunicato Stampa IUTA di Maurizio Crispi relativo all'importante appuntamento che avrà luogo da venerdì 5 a domenica 7 Settembre a Luco dei Marsi (AQ)Il prossimo 6 settembre (di sabato), si svolgerà a Luco dei Marsi, la "6 ore nella città di Angizia", giunta al suo secondo appuntamento e valevole come Campionato Italiano IUTA della specialità.La manifestazione, promossa dalla Pro-loco di Luco dei Marsi, dalla ASD podistica "Luco dei Marsi" e dalla ASD "Opos Team Trasacco" (con la partecipazione di AGESCI Gruppo Scout Luco, ha come sua anima organizzativa Angelo Massaro, egli stesso podista ed appassionato di ultramaratone.Su questa manifestazione sportiva vi è molta attesa, sia perché, trattandosi del Campionato Italiano IUTA della specialità, alla fine della gara che sarà affollata e combattuta verranno coronati i campioni italiani 2008, uomo e donna, sia perchè - in concomitanza - si svolgeranno degli importanti eventi-satellite, fortemente voluti dalla IUTA e resi realizzabili grazie alla generosa disponibilità di Angelo Massaro e alla partecipazione del Centro Studi e Ricerche della FIDAL.
Poiché la manifestazione di Luco cade in un momento particolare di snodo nel percorso di preparazione degli atleti azzurri di ultramaratona dei due più importanti appuntamenti agonistici dell'anno: il Campionato del Mondo 24 ore di corsa (individuale e a squadre), che avrà luogo a Seoul il prossimo ottobre, e il Campionato del Mondo 100 km (che si svolgerà a Tarquinia, nel primo fine settimana di Novembre), è stata scelta per ospitare dal 5 al 7 settembre un raduno degli atleti azzurri di ultramaratona.Dopo un incontro tecnico che ha avuto luogo in occasione della Maratona di Custoza (con l'ospitalità di Simone Lamacchi) e dopo la celebrazione del Campionato italiano assoluto 100 km su strada (Firenze, maggio 2008), sono state messe a punto in via definitiva le convocazione degli atleti azzurri che costituiranno la squadra italiana della 100 km e quella della 24 ore.E' stato un percorso lungo e difficile, nel senso che tutti i nostri ultramaratoneti di maggior valore non sono dei "professionisti", nel senso che sviluppano i loro allenamenti, pur svolgendo tutti quanti attività lavorative impegnative e faticose, acquisendo la forma necessaria a prezzo di dura faticai spesso in orari impossibili, soltanto guidati dalla passione e dalla loro dedizione: in un certo senso, li si possono considerare degli atleti "puri", poiché per loro non ci sono esenzioni lavorative, congedi pagati con conservazione del posto di lavoro e tutte quelle facilitazioni che rendono altri atleti "professionisti", anche se non lo sono nel senso letterale del termine.Proprio, in occasione della 6 ore nella Città di Angizia verranno presentati al pubblico tutti gli atleti delle due squadre azzurre, salvo alcuni che - per i motivi sopradetti - non potranno partecipare (in primis per difficoltà lavorative).L'occasione, dunque, per tutti coloro che hanno a cuore le sorti e l'evoluzione dell'ultramaratona italiana (in questo momento in forte crescita), è particolarmente interessante, anche perchè la presentazione degli ultramaratoneti azzurri avverrà, il 5 settembre (alla vigilia della gara podistica) al termine del 2° convegno IUTA sulle ultramaratone.Il 2° Convegno nazionale IUTA sulle ultramaratone si inserisce nel quadro d'una serie di iniziative finalizzate alla diffusione della cultura delle ultramaratone, messe in cantiere dalla IUTA a partire dall’inizio del 2008.Questo convegno avrà una rilevanza particolare, poiché in concomitanza con l'evento agonistico, avrà luogo anche il raduno nazionale degli azzurri di ultramaratona che, quindi, non solo con la loro presenza daranno lustro alla gara podistica ma anche costituiranno un uditorio "speciale" cui dedicare nell'economia del convegno anche una sezione tecnica (che, ovviamente, sarà anche aperta a tutti gli interessati).Il Convegno si suddividerà pertanto in due sezioni: una tecnica sull’Ultramaratona in generale ed una dispecialità, dedicata allo sviluppo e allo stato dell'arte raggiunto dall'Ultra-trail in Italia.S’è voluto dare uno spazio specifico alla trattazione delle gare di Ultratrail, poiché si riconosce che, al momento, è proprio l'Ultratrail a fare da traino per l'intero settore delle ultramaratone su strada e su pista ed è, quindi, un terreno fecondo per invogliare più podisti a cimentarsi nelle ultramaratone più tradizionali sia su strada, sia su pista, siano esse in linea o "a tempo".La IUTA riconosce, infatti, la necessità di creare un movimento più cospicuo di atleti che si cimentano nelle ultramaratone, tra le quali – pur essendo in forte crescita il numero di nuovi eventi - si nota un forte disequilibrio tra le adesioni raccolte da quelle "storiche" (100 km del Passatore, 50 km di Romagna) e quelle “emergenti”.La serie dei convegni IUTA, con la particolare attenzione posta alle gare di Ultratrail, sembra essere appunto uno strumento valido per il raggiungimento di tale obiettivo.
Programma del convegno
La sezione tecnica vedrà il succedersi di tre relazioni.
La prima sarà quella di Marco De Angelis, sul seguente tema: "Analogie e differenze delle funzioni fisiologiche per l'allenamento della maratona e delle ultramaratone". Marco De Angelis, collaboratore della Fidal e del CONI, è stato individuato dal Centro Studi e Ricerche della FIDAL, che ha dato un suo pieno supporto a questa iniziativa, per il tramite di Pierluigi Migliorini, Consigliere FIDAL con delega per il Settore master, Corsa in Montagna ed Ultramaratone. Questa presenza istituzionale è un importante segno di "apertura" e di "accettazione" da parte della FIDAL ed indica che la stessa conferisce agli aspetti informativi e formativi sulle ultramaratone una crescente importanza, di cui occorre tenere conto.Seguirà l’intervento di Maurizio Riccitelli - ex maratoneta di buon livello, allenatore dell’iridato Mario Fattore e di molti altri atleti, tecnico dell’Atletica Vomano (società protagonista ai Societari 2008) ed attualmente consulente tecnico per il settore maschile nello staff IUTA, la cui relazione (dal titolo: “La corretta gestione di un team: il ruolo del tecnico-allenatore”) affronterà l'importanza dello spirito di squadra, del team e il ruolo del tecnico nelle ultramaratone.Chiuderà la sezione tecnica la relazione di Virgilio Ottaviani sul tema “Strategie di alimentazione e integrazione nell'ultramaratona: cosa è realmente utile?”.Virgilio Ottaviani, laureato in chimica e specializzato in Composizione e proprietà degli alimenti, è Responsabile scientifico EthicSport. Dal 2003, fornisce consulenze a team professionistici di molte discipline sportive, proponendo strategie di allenamento integrato.
Sarà la volta, quindi della sezione dedicata all’Ultra-trail (“Le ultramaratone in Italia: stato dell’arte e prospettive”) per la quale sono previste le relazioni di Aurelio Michelangeli e di Leonardo Soresi, le cui relazioni tratteranno il seguente argomento “La crescita dell’ultra-trail in Italia: situazione attuale e prospettive di sviluppo” e si suddividerà in due parti: mentre la prima sarà incentrata sulla storia dell’Ultra-trail italiano, dalle sue origini agli sviluppi recenti, la seconda sarà dedicata al confronto con le realtà Nord-Americane e Francesi.Aurelio Michelangeli, ideatore e organizzatore della prima EcoMaratona Italiana (Collelongo) nel 1996, attualmente organizza un circuito di trail nel centro Italia formata da 19 gare su distanze diverse cui si è aggiunta più di recente la 50 km su strada del Gran Sasso. In Abruzzo e Lazio è molto conosciuto, perchè partecipa spesso a un programma televisivo di una emittente Romana, la "Marathon TV" da dove parla sopratutto di trail. Negli anni scorsi, ha organizzato le 21 - 42 e 50 km “in grotta” (3 diverse gare in anni diversi), il Cammino Inca in Perù e l'Akakus trail in Libia. Viene spesso interpellato da organizzatori che vogliono consulenza per organizzare manifestazioni trail e, insieme a Enrico Vedilei, nel corso dell’inverno 2007 ha organizzato la prima edizione del circuito “Winter Trail” (gare invernali di trail, una in Romagna, una in Abruzzo e una in Friuli), che verrà ripetuta quest’anno (già con l’adesione di 9 eventi podistici trail). Sia lui che la moglie corrono.Leonardo Soresi, oltre che essere un discreto corridore di ultratrail, scrive sulla rivista "Correre" di tutto e di più sull'ultra-trail, cosa che fa in modo più intenso e specializzato anche sulla rivista web "Spirito Trail", dove - tra l'altro - è uno dei più attivi della redazione. Ha una forte esperienza dovuta alle tante ultratrail cui ha partecipato in tutto il mondo.Il giorno successivo alla gara podistica (il 7 settembre), per far fruttare al massimo, questa preziosa circostanza in cui quasi tutti gli atleti della squadra azzurra 100 km si troveranno riuniti, verrà effettuato un sopraluogo "tecnico" sul percorso di gara della 100 km degli Etruschi, in modo tale da rendere possibile loro di familiarizzare con un certo anticipo sulle caratteristiche del percorso (che - come è noto - dopo una prima parte in linea di 40 km farà immettere gli atleti in un anello di circa 14 km da ripetere per 4 volte, al termine delle quali si percorreranno gli ultimi 7 km sino al traguardo, ubicato a Tarquinia.Tale sopraluogo sarà reso possibile, sotto il profilo logistico, ancora una volta grazie alla disponibilità di Angelo Massaro (che la IUTA in questa circostanza ringrazia anticipatamente) per mezzo di pulmini appositamente predisposti.Di seguito, l’elenco aggiornato degli atleti convocati a far parte delle due squadre azzurre:
24 ore
DONNE
BARCHETTI Monica
CASIRAGHI Monica
DI VITO Lorena Antonietta
MOLING Monika
UOMINI
BAGGI Marco
BARICHELLO Gastone
BARTOLINI Enrico
BELTRAMINO Osvaldo
CORNOLTI Eugenio
CUDIN Ivan
MAMMOLI Antonio
MARCHESI Tiziano
PIROTTA Mario
100 km
DONNE
CARLIN Monica
CAVALLI Giovanna
CERETTO Sonia
DA FORNO Daniela
MONARI Roberta
PITONZO Cristina
SANNA Paola
SIMSIG Elena
ZECCHINO Luisa
UOMINI
BERNABEI Andrea
BOFFO Marco
CALCATERRA Giorgio
CARONI Francesco
DI TOMA Diego
D'INNOCENTI Marco
FATTORE Mario
MALFATTI Pio
RIGO Andrea

7 commenti:

Anonimo ha detto...

che bella emozione che stai per vivere...vai Andrea, alla grande.

bassa

la fulminea di corsa ha detto...

dai rigo che li spazzi via tutti

Yervs ha detto...

Direi proprio una bella soddisfazione

Andreadicorsa ha detto...

DIREI PROPRIO UNA SODDISFAZIONE FATICOSA :::---)))

Yervs ha detto...

Si, è vero!!!!! Ma, lo sai noi non siamo esseri umani normali....

Anonimo ha detto...

Complimenti Andrea, ti meriti tutto questo. Sei un grande atleta. E...la fatica fa parte del gioco!!!
Mi ricordo di te, perchè ti ho visto alla Campolonga a fine giugno.
Luigi

Alvin ha detto...

Portati tanta birra, te ne berrai molti ragazzo...russi in primis...he he mi ricordo il racconto del passatore...Sei in formissima, e per quello che dai sotto il punto di vista dell'impegno, ti mi meriti un ottimo risultato...mi viene un po' il mal di testa a pensare del circuito da 1,3km da ripetere per 6 ore...comunque RIGO C'E' RIGO C'E' RIGO C'E'!!!

Ti potrebbe anche interessare

Related Posts with Thumbnails